LUNATIX:una barca sfigata … o forse troppo tirata???

LUNATIX : UNA BARCA SFIGATA …. o forse troppo tirata????

 A proposito di morti e feriti voglio raccontarvi la storia di LUNATIX un bellissimo X50 di un tedesco che segue l’Arc sino all’Australia per scendere poi a Sydney e partecipare alla Sydney to Hobart, la famosa e spesso drammatica regata che attraversa il funesto stretto di bass punto di incontro e sfogo di enormi depressioni tra la Nuova Zelanda e l’Australia nei 40° sud i famosi quaranta ruggenti.

L’armatore è un tizio segaligno tedesco che ovviamente vuole arrivare primo non solo alla regata ma in qualsiasi circostanza anche nelle file per i passaporti o per il self service al ristorante! Su questa barca non ci sono stati morti, ma feriti diversi e anche gravi rotture. Cominciamo dalla prima

La famosa notte dei 50 nodi sulla rotta per Suwarrow il nostro ha pensato bene di lasciare il timone alla fidanzata del figlio assolutamente inesperta, alla prima strapoggiata il figlio è uscito fuori in pozzetto senza nè cintura nè salvagente ed è stato preso in pieno dal trastodella randa partito insieme al freno del boma. Insomma il ragazzo è volato in acqua di notte senza salvagente e con 50 kn. Aveva x fortuna un stroboscopica in tasca e sono riusciti con non poca fortuna a tiralo su ma aveva , si è capito dopo, due vertebre fratturate. Quindi la barca ha fatto marcia indietro e’ rientrata a bora bora e da lì il ragazzo è stato trasferito a Tahiti ( dove il padre non è neanche andato a trovarlo,) e una volta stabilizzato portato in Germania dove è ancora ricoverato.

 Questo spiega tra le altre cose perché insisto affinche oltre a chi sta in pozzetto, di notte e con mare impegnativo anche gli altri sotto almeno due devono dormire con il salvagemte xche se c’è l imprevisto e la necessità di intervenire con immediatezza l istinto e quello di uscire immediatamente senza nulla addosso ed ecco che poi succedono le tragedie!!!!!

La seconda sciagura è avvenuta dopo pochi giorni è sempre di notte. Un membro dell’equipaggio è andato a prua per verificare un problema sulla avvolgifiocco che in questa barca e a scomparsa dentro il gavone dell ancora . Il tizio si è quindi calato con la testa giù nel gavone ed alla prima onda le fficientissimo salvagente si è immediatamente gonfiato immobilizzando il tizio e strozzandolo sino alla quasi morte  x soffocamento. Lui ci ha raccontato di essersi visto da cinque metri di altezza a un passo dalla morte già trasceso…… il tedesco e’ a poppa non vedeva e sentiva nulla ( il pozzetto non è centrale è quindi il tizio era a 15 metri di distanza) per fortuna ha deciso di andare a vedere il problema e si è accorto del dramma e con prontezza ha pugnalato il salvagente del tizio che è ritornato su questa terra!!!! 

Altra lezione sempre occhio a questi salvagenti perché quando funzionano si gonfiano con la prima onda. Ed ecco perché in ogni caso consiglio di portare sempre due/3 bombolette di rispetto del salvagente autogonfiabile .

Ma non è finita qui.

Una volta partii da Vanuatu per l Australia a circa 400 mg da Vanuatu e 700 dalla Australia quindi diciamo subito dopo l’estremo nord della Nuova Caledonia LUNATIX lancia un pan-pan. Il timone non rispondeva più era nullo. Controlla i cavi convinto che si siano rotti e nulla i cavi ci sono e stanno benone. Ma la ruota gira e il timone non risponde dopo essersi calato più volte in mare prende atto che il tubo che entra  nella pala  si è dissaldato al suo interno e non è più solidale con la pala e quindi gira a vuoto . La notte si avvicina e la barca e alla deriva nell’oceano Pacifico al inzio del mar dei coralli.

Due barche della flotta le più vicine e anche le più veloci si dirigono su di lui e tutta la flotta Ivi incluso i tecnico dell’ arc di Londra studiano come cercare di risolvere il problema. Una barca senza timone non si riesce neanche a trainare e il rischio di dover abbandonare la barca appare concreto.

Tutta la flotta e in silenzio radio sul canale 72 del vhf e su un canale specifico della radio Ssb (single side band) per far parlare tra  loro i tecnici o quelli che ci capiscono di più. La mattina dopo cercano di imbragare con catene e cime la pala e portare queste cime sui Whinch e riescono a governare la barca e a 3/4 nodi si avviano verso l’Australia. Il tempo era Clemente non c erano più di 15/18 kn ma da dietro da lì a poco sarebbe arrivata una forte depressione che a quella velocità li avrebbe certamente presi prima di arrivare a Makay. Comunque riescono a migliorare la riparazione ed a incrementare la velocità in mod di arrivare prima del ventone. Ma cosa sarebbe successo se anche questo imprevisto si fosse verificato anche solo con i classici 30 kn di poppa con le belle onde che ci fanno andare tanto veloci???

Insomma è sfiga oppure come dice aghata christie tre indizi fanno una prova? Io sono per la seconda. Non puoi tirare SEMPRE la barca per tutto un giro del mondo come stessi facendo il bastone della regata di club, senza esporti a rotture e inconvenienti frequenti. 

Non si tratta di sfiga. Per quel che mi riguarda ho sempre navigato anche quando c era la possibilità di spingere di più con una andatura ridotta. La notte si mette la velatura più soft, si vìchiudono i tangoni o il gennaker e si riapre il Genoa, se sei tutto invelato e fai 9 nodi di velocità io riduco perché non voglio stressare la barca non mi interessa arrivare prima mi interessa arrivare intero e senza rotture, e vi assicutìro che l Amel è una barca sovradimensionata quanto a armamento rispetto alla velatura , però il giro e lungo e quando si fa 7 kn io sono più che contento!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...